04 Dicembre 2020
News
percorso: Home > News > News

Tomi:"Non si può rinviare un numero così grande di partite"

30-10-2020 17:33 - News
"E' giusto tutelare al massimo la salute di tutti, calciatori compresi. Però serve un regolamento chiaro, simile a quello che utilizzano in serie A. Altrimenti ho la sensazione che ci siano, purtroppo, anche società che strumentalizzano il coronavirus per rinviare le partite scomode". E' un pensiero schietto e anche duro, quello di Giovanni Tomi, capitano del Prato, che però non si riferisce in alcun modo ad una squadra in particolare del suo girone. Certo, in queste ultime settimane i biancazzurri sono stati "sfortunati", visto che sono stati costretti a rinviare due partite consecutive, la prima domenica scorsa contro il Ghivizzano Borgoamozzano e la seconda, quella di dopodomani, contro la Correggese.

"Le società di serie D hanno deciso a grande maggioranza di proseguire con il campionato. Anche noi giocatori siamo d'accordo con questa linea – insiste Tomi –. Credo però che servano regole chiare. Non si può continuare a rinviare un numero così grande di partite. Per esempio si potrebbe pensare di isolare i positivi di una squadra e magari consentire solo nel caso in cui i contagiati in rosa siano più di 5 di chiedere il rinvio. Noi al Prato siamo costantemente monitorati, ma non c'è un obbligo vero e proprio. Però è una accortezza del nostro presidente e della dirigenza che ci fa stare molto più tranquilli". Inoltre il gruppo squadra ha firmato una sorta di patto interno non scritto, tale per cui i giocatori si sono promessi a vicenda di non esagerare con le uscite extracampo e di provare a limitare i contatti inutili. Una condotta che per il momento (dovuti scongiuri facendo) sta funzionando, visto che fra i biancazzurri nessuno si è fermato per Covid-19.

"Forse servirebbero anche degli aiuti alle società da parte della Lega Nazionale Dilettanti per poter fare dei tamponi prima delle partite. Isoliamo i positivi e continuiamo a giocare, se possibile – insiste Tomi –. Non ho sottomano tutto il panorama della serie D, ma sentendo alcuni ex compagni posso dire che le dinamiche che seguiamo a Prato, con tamponi e test sierologici periodici, non sono certo la normalità ovunque".




Fonte: La Nazione

web design Studio Activa - info@studioactiva.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio