Lettera del Presidente Paolo Toccafondi

08-07-2015 17:10 -

PRATO - Vorrei iniziare questa mia comunicazione, che vuole essere un´occasione di fare chiarezza con chi ha a cuore le sorti del Prato con una premessa: portando avanti da più di un anno la mia battaglia in Lega Pro contro l´ormai ex Presidente Macalli ed il suo Direttivo, mi sono reso conto che il sistema della terza serie è prossimo al collasso, come dimostrano le decine di fallimenti di club che avvengono ogni anno e l´azzeramento di una governance ormai inadeguata. Cercando di i guardare avanti è facile intuire come tale crisi oltre a dover essere risolta nelle sedi istituzionali sportive attraverso nuove idee e nuove persone, può diventare un´opportunità di successo per quei club che rimangono sani e corretti nella gestione e rappresentano città che danno un segno tangibile (economico e di idee) di quanto il calcio interessi VERAMENTE. Una verosimile prospettiva a breve termine (1/2 anni) potrebbe essere l´accorpamento dell´attuale Lega di B e di una quarantina di club dell´attuale Lega Pro in un´unica Lega, credo sarebbe un´opportunità più unica che rara per la città e i suoi tifosi - coglierla o meno dipende da tutte le componenti: società, istituzioni e tifosi.

Ritengo adesso che sia corretto fare un punto sugli argomenti trattati durante la precedente intervista di fine maggio:

-Cessione della società: confermo che non abbiamo ricevuto alcuna proposta di soggetti interessati all´acquisto in parte o in toto delle azioni dell´AC Prato, tale disponibilità era stata data peraltro già da due anni senza che nessuna richiesta in tal senso sia mai pervenuta. Per rispetto a chi vuol bene al Prato e per nostra passione, ancora una volta insieme alla mia famiglia abbiamo consentito alla città, con fatti tangibili e non con chiacchere (Fidejussione-Tassa Iscrizione-Rischio Gestione), di non sparire dal calcio professionistico, cosa ormai abbastanza frequente ovunque. Resta inteso che qualora in futuro si presentassero credibili opportunità in tal senso, mi riserverò certamente di valutarle con attenzione e nel solo interesse di AC PRATO 1908.

-Nuovi partner: ad oggi senza dubbio si tratta di un fatto positivo, infatti sono già 5 i nuovi soggetti che hanno aderito ed altrettanti con i quali stiamo parlando della nuova opportunità. Ciò dimostra la volontà di questi amici innamorati dell´AC Prato 1908 di dare un contributo, non solo in termini economici, ma anche di collaborazione alla gestione della società ed è per questo che li ringrazio personalmente senza ovviamente dimenticare tutte le aziende che partecipano attraverso le iniziative Prato Feels e Cardato Riciclato non facendo mancare il loro sostegno.

-Trust: un altro fatto positivo, mi si conferma che il prossimo 13 luglio sarà ufficialmente costituita c/o lo Studio del Notaio Mattera la società cooperativa "Orgoglio Pratese". Ascoltando qua e la ho sentito molte persone interessate all´idea, che personalmente ritengo un asset fondamentale per il futuro calcistico nazionale. Per agevolare la start up del progetto e per cancellare le illazioni maliziose di qualcuno sul fatto che senza questo contributo non si possa portare a termine la gestione della prossima stagione sportiva , confermo che indipendentemente da quale sia il risultato economico scaturente delle adesioni, cederò comunque il 5% delle quote di AC Prato alla cooperativa, la quale avrà diritto ad inserire il rappresentante autonomamente scelto fra i suoi associati all´interno del C.d.A. del Prato. Ritengo che il Trust sia una grande ed innovativa opportunità per i tifosi, che potranno rappresentare direttamente al club, idee e progetti riguardanti la propria squadra di calcio. credo inoltre che questa iniziativa, in futuro, potrebbe portare i tifosi ed i suoi rappresentanti ad avere un maggior peso in termini di partecipazione azionaria all´interno del Consiglio ,ma ciò chiaramente dipenderà dalla volontà dei tifosi stessi ovviamente.

FORZA PRATO

Paolo Toccafondi


Fonte: A.C. Prato S.p.A.