29 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > News

Prato al lavoro da ieri. Le decisioni del giudice sportivo

01-04-2014 18:04 - News
PRATO - Sono ripresi ieri mattina gli allenamenti del Prato. Dopo il K.o. subito nel derby di Pisa, i biancazzurri affronteranno l´Ascoli domenica prossima al Lungobisenzio. Lanieri a quota 36 punti in classifica ed a meno sei dalla zona playoff a quattro giornate dal termine della regular season. Per quanto riguarda l´organico, il tecnico Vincenzo Esposito avrà a disposizione nuovamente, l´estremo difensore Matteo Brunelli, il difensore Leonardo Mancini ed il centrocampista Andrea Romanò, tutti e tre al rientro dalla squalifica, mentre dovrà rinunciare al difensore Michele De Agostini fermato per un turno dal giudice sportivo in quanto recidivo in ammonizioni.

Prato - Lecce del 23/03/2014; Reclamo Respinto - La Lega pro rende noto, tramite il Comunicato Ufficiale n.138/DIV del 01.04.2014 che, in merito allo scorso Comunicato Ufficiale n.135/DIV del 25.03.2014, "Il Giudice Sportivo, letti gli atti ufficiali e il reclamo proposto dalla società Prato, preso atto delle controdeduzioni della società Lecce, nonché della memoria difensiva avverso le predette controdeduzioni presentata dalla società Prato, premette che in riferimento alla gara in oggetto con Com. Uff. n. 135/DIV del 25.3.2014, questo Giudice Sportivo disponeva la squalifica per una gara effettiva al calciatore del Prato Romanò Andrea in luogo del calciatore Malomo Alessandro, erroneamente indicato nel referto arbitrale come autore dell´infrazione sanzionata, il tutto in applicazione dell´art. 35 comma 1.2 del C.G.S.; che, in riferimento al predetto episodio, la società Prato con reclamo preannunciato e depositato nei termini, ha richiesto la ripetizione della gara, ai sensi dell´art. 17 comma 4 lett. c, lamentando l´errore tecnico da parte dell´arbitro che avrebbe influito sul regolare svolgimento della gara; osserva che l´art. 17 comma 4 del C.G.S. prevede la facoltà degli organi di Giustizia Sportiva di valutare l´influenza sul regolare svolgimento della gara di "fatti che per loro natura non sono valutabili con criteri esclusivamente tecnici"; che tale norma, di contenuto chiaramente residuale, deve ritenersi applicabile, con le dovute e opportune valutazioni, solo in riferimento a situazioni che non trovino specifico rimedio in norme appositamente previste nel medesimo Codice di Giustizia Sportiva; che l´art. 35 comma 1.2, come già evidenziato, prevede esplicitamente la possibilità per gli Organi di Giustizia Sportiva di modificare le risultanze degli atti ufficiali a fronte della prova dell´errore di persona commesso dall´arbitro; che il carattere di specialità della prescritta norma sottrae all´applicazione dell´art. 17 comma 4 del C.G.S., la fattispecie in esame, con ciò escludendo che l´errore di persona commesso dall´arbitro nell´irrogazione di una sanzione disciplinare possa costituire fatto non valutabile con criteri esclusivamente tecnici che abbia influito sul regolare svolgimento della gara.
Tutto ciò premesso, delibera di respingere il reclamo proposto dalla società A.C. Prato S.p.A. confermando il risultato della gara acquisito in campo (Prato 1- Lecce 3)".


Il programma settimanale degli allenamenti

Lunedì 31/03: ore 10.30 Lungobisenzio.
Martedì 01/04: ore 15 Lungobisenzio.
Mercoledì 02/04: ore 10.30 Sesto Fiorentino; ore 15 Lungobisenzio.
Giovedì 03/04: ore 10.30 Sesto Fiorentino.
Venerdì 04/04: ore 15 Lungobisenzio.
Sabato 05/04: ore 10.30 Lungobisenzio.



Fonte: Nicola Picconi

web design Studio Activa - info@studioactiva.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio