30 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > News

Partnership Prato e Inter, un esempio da seguire su Sky

29-08-2014 16:16 - News
Un viaggio nel mondo del calcio, dal passato ad oggi, guardando al futuro. Una docu-inchiesta che nasce dalla passione e dall´amore di Sky per il mondo del pallone, in cui crede e investe da oltre dieci anni. Arriva da domani sabato 30 agosto, "Codice rosso - Lo stato del calcio", una nuova produzione originale di Sky Sport24 HD, che si pone l´obiettivo di spiegare come il calcio italiano sia scivolato nelle retrovie del nuovo football globale, dopo esserne stato padrone incontrastato fino all´inizio del Millennio.
La chiave scelta da Sky è costruttiva: analizzare ciò che ha bisogno di essere innovato per riportare in vetta il nostro movimento calcistico.

Il ciclo di puntate, in onda ogni sabato, da domani alle 23.30 su Sky Sport 1 HD (gli estratti principali anche sul canale all news Sky Sport24 HD e sul sito www.skysporthd.it), analizzerà quindi il momento di crisi del nostro calcio, cercando di capire come sia possibile ricostruirne l´immagine e la competitività.
Tutto questo sarà raccontato attraverso il materiale d´archivio, con lo stile dell´inchiesta e una nuova tecnica di narrazione: Gianluca Vialli guiderà l´analisi obiettiva della situazione attuale del nostro calcio nel tentativo, attraverso le testimonianze dei più importanti esponenti del calcio italiano e internazionale, di trovare proposte e soluzioni per cercare di fare un passo avanti verso il miglioramento. Tutti insieme, senza polemiche.

Ogni puntata affronterà un tema e si chiuderà con il contributo di tre proposte che possano essere d´aiuto per migliorare le criticità. Nella prima puntata si parlerà dei giovani, la generazione da cui il calcio dovrebbe necessariamente ripartire, con l´esempio del calcio tedesco e del Prato, società che ha stretto una collaborazione con l´Inter per far crescere talenti nerazzurri.
Al termine di ogni puntata gli utenti potranno dire la loro opinione sui temi affrontati, attraverso i social network: su Facebook all´interno della pagina ufficiale di Sky Sport (fb.com/SkySport) e su Twitter con l´hashtag #CodiceRosso.

Tra le tante interviste esclusive, anche quelle a: Gigi Buffon, Francesco Totti, Marco Verratti, Thiago Silva, Ciro Immobile, Kevin Prince Boateng, Borja Valero, Riccardo Montolivo, Andrea Ranocchia, Davide Santon, James Pallotta, Michel Platini, Fabio Capello, Massimiliano Allegri, Roberto Donadoni, Giovanni Trapattoni, Francesco Guidolin, Arrigo Sacchi, Alessandro Del Piero, Demetrio Albertini, Johan Crujff, Roberto Mancini, Wim Jonk, , Paolo Rossi, Dan Meis, Raffaele Cantone, Mauro Valeri, Andrea Romeo, Gianluca Pessotto, Gino Zavanella, John Foot.

Appuntamento con "Codice Rosso- Lo stato del calcio" su Sky Sport 1 HD sabato 30 agosto e poi il 13, 20 e 27 settembre, sempre alle 23.30.
Di seguito alcuni estratti delle interviste ai principali protagonisti di "Codice Rosso":

Massimiliano Allegri (allenatore della Juventus): "La serie A è il campionato più vecchio d´Europa, da noi c´è poco coraggio a far giocare i giovani. I ragazzi sono come le montagne russe, bisogna saperli aspettare e aiutare perché non è da loro che dipende la vittoria o la sconfitta in una partita".

Raffaele Cantone (magistrato italiano): "La criminalità organizzata entra in curva perché lì trova manovalanza con una competenza spendibile, quella di saper usare la violenza. Bisognerebbe allargare il Daspo a tutti i reati violenti. Chi è condannato per mafia non deve poter entrare in uno stadio di calcio".

James Pallotta (presidente della Roma): "Il mio obiettivo è riportare il calcio italiano in cima al mondo, non solo la Roma. Per questo con gli altri club dobbiamo lavorare tutti insieme per farne un grande prodotto d´esportazione per il mercato globale. La base di partenza di questo lavoro sono gli stadi, i giovani e i media rights. Su questo noi americani abbiamo una certa esperienza che intendo condividere con i presidenti della serie A".

Kevin Prince Boateng (giocatore dello Schalke 04): "Mi incavolo quando vedo gli stadi italiani vuoti. Uno stadio moderno è un bene per i tifosi ma anche per i giocatori. In un momento di crisi come questo, l´Italia dovrebbe puntare sui giovani come ha fatto la Germania. Ripenso spesso all´episodio di Busto Arsizio: possibile che abbiamo ancora di questi problemi in un mondo multiculturale?".


Fonte: Nicola Picconi

web design Studio Activa - info@studioactiva.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio